Taskforce #nevergiveup! per l'emergenza CoViD-19 →

Analisi LCA e certificazioni ambientali

Ecoprogettazione e accreditamento di prodotti e servizi

Supportiamo i nostri clienti nell’esecuzione di studi di analisi del ciclo di vita mediante metodologia Life Cycle Assessment (LCA), in accordo con gli standard di riferimento internazionale UNI ISO 14040:2006 e UNI ISO 14044:2006.

Un’analisi Life Cycle Assessment (LCA) può essere applicata come strumento di supporto per integrare i principali sistemi di gestione aziendali (14001, 50001, 9001, ecc.) con elementi di sostenibilità ambientale, in accordo con gli standard di riferimento internazionale UNI ISO 14040:2006 e UNI ISO 14044:2006.

Un approccio al ciclo di vita può indirizzare le aziende nell’adozione di strategie e scelte più consapevoli in fase di early design stage (R&D e progettazione di nuove linee green) e nella gestione dei flussi (in ingresso e uscita), promuovendo il miglioramento continuo dei prodotti, servizi e processi produttivi. La prospettiva olistica permette di considerare anche le ripercussioni ambientali che intervengono al di fuori dei confini aziendali, estendendo l’analisi all’intera supply chain. Indici LCA possono, infatti, essere utilizzati dalle aziende per identificare i fornitori con un ridotto carico sugli ecosistemi (UNI ISO 20400:2017 Acquisti sostenibili – Guida).

Inoltre, l’esecuzione di un’analisi LCA di prodotti e/o famiglie di prodotto può essere finalizzata all’ottenimento di certificazioni ed etichettature ambientali di carattere nazionale ed internazionale.

Tra queste l’impronta di carbonio (UNI ISO 14067:2018) e l’impronta idrica (UNI ISO 14046:2016), indicatori single issue che permettono di esprimere le performance ambientali di un prodotto/processo rispetto a prodotti aventi una stessa funzione.

Inoltre, quando lo studio viene esteso a differenti indicatori ambientali (multiple issues), una LCA può condurre all’ottenimento di una dichiarazione ambientale di prodotto, in inglese Environmental Product Declaration (EPD). In accordo con lo standard UNI ISO 14025:2010, una EPD è un’etichetta ambientale di Tipo III che si basa su regole internazionali specifiche per ogni categoria di prodotto (PCR). È lo strumento per eccellenza utilizzato per esprimere trasparenza negli impatti ambientali in ottica cradle to grave (dalla culla alla tomba).

Le certificazioni e le etichettature ambientali sono intese come valida garanzia a supporto della sostenibilità ambientale di prodotti e processi, permettendo di rispondere alle nuove esigenze di mercato richieste dai cittadini e dalla pubblica amministrazione (Green Public Procurement – GPP).

Inoltre, applicare una prospettiva di ciclo di vita nell’ottenimento delle suddette certificazioni ambientali è garanzia di accreditamento verso le grandi corporate private, le quali devono dimostrare un atteggiamento trasparente e propositivo verso tematiche sociali ed ambientali (es. rendicontazione di carattere non finanziario, bilancio integrato e bilancio sociale).

CASE HISTORIES:

STUDIO LCA E DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DEL PONTE SUL FIUME PO

BILANCIO MATERICO DI CORPI ILLUMINANTI A LED PER ILLUMINAZIONE STRADALE E FORMAZIONE SULLA SOSTENIBILITÀ

Iscriviti alla Newsletter .