Nel seguito si riportano le due principali novità in materia di Emission Trading:

1. Raccolta dati per l’assegnazione delle quote gratuite per il IV periodo di attuazione (2021-2030)

Dal 2021 inizierà la IV fase di attuazione del sistema europeo Emission Trading (EU-ETS) di scambio delle quote di emissione di gas serra che coinvolge più di 11.000 impianti in tutta Europa (centrali termoelettriche e impianti industriali di vari settori).
Con riferimento a tale fase sono già stati pubblicati i nuovi regolamenti europei sul monitoraggio e la comunicazione delle emissioni (Reg. 2066/2018) e sulla verifica dei dati e l'accreditamento dei verificatori (Reg. 2067/2018).
Le procedure di assegnazione gratuita delle quote di emissione per il IV periodo (2021-2030) sono disciplinate dal Regolamento delegato UE del 19 dicembre 2018 C(2018) 8664.

Il meccanismo di assegnazione prevede che le aziende rientranti nel sistema EU-ETS facciano richiesta di attribuzione delle quote gratuite entro il 30 maggio 2019 (tuttavia siamo in attesa del decreto attuativo per gli aspetti di dettaglio) attraverso la comunicazione di dati con modalità analoghe a quelle utilizzate nel precedente periodo di applicazione (NIMs del 2011); tale comunicazione sarà soggetta a verifica da parte di soggetti accreditati.

La raccolta dati interesserà tutti, non solo gli impianti in regime “ordinario” ETS, e riguarderà anche i nuovi entranti.
Nelle prossime settimane è attesa la pubblicazione del modulo da utilizzare per la raccolta dati e le relative disposizioni attuative.
 
2. Pubblicazione della tabella dei parametri standard nazionali UNFCC relativa al 2018

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha pubblicato la tabella dei parametri standard nazionali UNFCCC validi per la verifica annuale delle emissioni di CO2 relativamente al 2018.
La tabella è disponibile sul sito del Ministero dell’Ambiente al seguente link.
 
L'articolo è stata redatto dall'unità Ambiente di NIER Ingegneria.